Con Linda e Luca ...: Foto Video Posts

lunedì 19 dicembre 2011

Appunti 3

Casa.
La casa è più casa ora che ci sono i bimbi.
Me ne accorgo in particolare quando esco e poi rientro
e sento nell'aria odore di bimbo.

Letto e Separazioni.
I nostri bimbi dormono molto e dormono bene,
ma non vogliono dormire da soli.
C'era stato un periodo in cui dormivano bene
nel cestino.
Poi il rapporto che hanno con noi è andato via via aumentando
ed ora non vogliono più stare da soli.

Io credo che i bambini nascono sani, psicologicamente parlando,
e che perciò le loro richieste non possono essere sbagliate.
Credo che rimanere da soli nel lettino
rappresenti una prima grande separazione per loro,
specialmente adesso che sanno che con noi stanno bene.

Le separazioni possono avvenire in due modi:
con il ricordo di ciò che è stato e con l'aumento dell'identità,
oppure scordando ciò che è stato e costituendosi come delusioni
con diminuzione della fiducia in se stessi e dell'identità.

Se stare nel lettino rappresenta una prima grande separazione
è importante che avvenga senza traumi
e senza costituirsi come delusione del rapporto.

Non sono d'accordo con chi dice che non ha importanza
se piange e se non vuole starci
perché tanto poi non ricorderà nulla.

Ricorderà, inconsciamente, tutto.

Capacità di imparare.
Sicuramente i bimbi sono in una fase in cui imparano tantissimo,
ma la loro capacità di imparare è enorme.
Per contro noi dobbiamo imparare molte meno cose,
ma data la nostra ridotta capacità di apprendimento,
dobbiamo fare uno sforzo enorme.

Ricerca.
Ora come non mai sento importante
il fare ricerca sulla realtà umana.
E' una cosa che ho sempre fatto.
Ma tentare di capire le dinamiche psichiche
di bimbi di pochi mesi
per rispondere alle loro esigenze
costringe ad una ricerca molto più intensa,
più precisa, più pulita.

Più profonda.

Cure ed attenzioni.
I bimbi piccoli hanno bisogno di cure ad attenzioni.
Infinite cure ed attenzioni.
Bastano una coperta messa in maniera un po' diversa,
il tessuto del lenzuolo leggermente più ruvido o leggermente più fresco,
la posizione appena diversa con cui gli si è dato il biberon
per otterene risultati del tutto diversi al momento di dormire.
In più, ciò che funzionava i giorni scorsi
può non funzionare i giorni successivi.

Non credevo che le attenzioni ai dettagli materiali
fossero cosi tante
e che il non riuscire spesso ad indovinarle tutte
potesse essere così frustrante.

Sono convinto tuttavia che gli aspetti psicologici
giochino un ruolo fondamentale nella vita e nelle riuscite
dei bimbi.

Spero che la presenza psichica che cerco di offrire
e la continua ricerca che cerco di portare avanti
compensino gli errori materiali che commetto.


Il punto di vista della mamma.






Nessun commento: